Ansia – Panico, Ansia Sociale
un uomo è sommerso da centinaia di fogli accartocciati

Il Prof. Stefano Pallanti è uno dei pionieri del mondo ad utilizzare le terapie di stimolazione magnetica ed elettrica per la cura della depressione e l’ansia dal 2005.

Dal 2014 Il Prof. Pallanti è board member per la World Health Organization come esperto sull’Ansia.

I disturbi d’ansia includono il disturbo d’ansia da separazione (SAD), il mutismo selettivo, le fobie specifiche, il disturbo d’ansia sociale (fobia sociale), il disturbo di panico, l’agorafobia, il disturbo d’ansia generalizzata (GAD) e altri disturbi d’ansia (indotti da sostanze e/o condizioni mediche, non specificato o altrimenti specificato).

The Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition, (DSM-5) ha isolato Distrubo Ossessivo-Compulsivo e correlati dai disturbi d’ansia.

Il Prof. Stefano Pallanti è stato membro dell’OCD spectrum workgroup Impulse Control Disorders Taskforce and International Advisory Board, American Psychiatric Association (APA) for DSM-5 (The Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition) (Chair D.J. Kupfer) da Maggio 2005 a Maggio 2007.

Screening

Lo screening dei disturbi d’ansia si basa sul riscontro delle particolari caratteristiche associate a ciascun disturbo: ad esempio, nella fobia sociale il riscontro di una marcata paura relativa al parlare in pubblica e il conseguente evitamento della situazione provocato dall’ansia.

Concetti chiave

• I disturbi d’ansia sono accomunati da una eccessiva ansia o paura, mentre si distinguono per le manifestazioni comportamentali eterogenee sulla base dello specifico stimolo ansiogeno.
• Rispetto al DSM-IV, sono stati rimossi da questo capitolo il DOC (disturbo ossessivo-compulsivo) e i disturbi correlati a eventi traumatici, come il PTSD, e aggiunte due diagnosi a esordio generalmente infantile, ovvero l’ansia da separazione e il mutismo selettivo. Ciò dipende dal riscontro di peculiari correlati neurobiologici che distinguono questi disturbi da quelli d’ansia, e da una diversa risposta alla terapia farmacologica.
• In linea generale il trattamento si basa sull’utilizzo di psicoterapia cognitivo-comportamentale (sopratutto nella fobia specifica) e antidepressivi SSRI, mentre le benzodiazepine sono utilizzate in augmentation o in condizioni particolari e a breve termine.

Disturbo d’Ansia Generalizzata (Generalized Anxiety Disorder – GAD)

Il disturbo d’ansia generalizzata è una condizione cronica. La caratteristica fondamentale è la presenza di ansia persistente con preoccupazione eccessiva e pertanto disfunzionale, per almeno 6 mesi associata alla presenza di molteplici sintomi fisici.

Disturbo d’Ansia da Separazione (Separation Anxiety Disoder – SAD)

Il disturbo d’ansia da separazione è caratterizzato da paura e ansia eccessiva legate alla separazione dalle figure di attaccamento o da casa. L’ansia da separazione è un fenomeno comune nei bambini dai 6-7 mesi fino ai 3 anni, e rappresenta una tappa del processo di sviluppo. Nel SAD l’ansia è superiore rispetto a quella tipica per il livello di sviluppo e l’età della persona, e raggiunge un livello eccessivo e inappropriato.

Mutismo Selettivo

Il mutismo selettivo è caratterizzato dall’incapacità di parlare in una serie di situazioni sociali o con persone specifiche.

Fobia specifica

Una fobia è una paura elicitata da uno specifico oggetto o situazione, che quasi sempre provoca una risposta ansiosa immediata o un attacco di panico anche quando il paziente riconosce che la paura è eccessiva o irragionevole.

Disturbo d’Ansia Sociale (Fobia Sociale)

Nella fobia sociale, i pazienti sono caratterizzati da una paura persistente di essere umiliati o di rendersi imbarazzanti di fronte agli altri.

Disturbo di Panico

Il disturbo di panico è caratterizzato dalla presenza di attacchi di panico ricorrenti e imprevisti, seguiti da un mese di ansia anticipatoria persistente e modifiche comportamentali.

Agorafobia

Nel DSM-5 l’agorafobia ha assunto carattere indipendente dal disturbo di panico ed è pertanto classificata come disturbo a sé stante.

(Estratto da Psichiatria Elementare Oltre il DSM-5, Stefano Pallanti, 2016)

banner pubblicitario

Articoli correlati

 

Gioco d’Azzardo e TMS

Gioco d’Azzardo e TMS

In questo video il Prof. Stefano Pallanti è ospite di Elisa Sergi per una puntata di "Salute & Benessere" dove si parla delle problematiche del Gioco d'Azzardo e di come queste possano essere affrontate terapeuticamente grazie alla Stimolazione Magnetica...