Disturbi Alimentari e Obesità
i vari stadi del dimagrimento di una donna

VALUTAZIONE

  • Primo incontro con il paziente e con i familiari (differenzazione se il disturbo si presenta in età giovanile o adulta)
  • Valutazione testistica con il paziente
  • Valutazione dello stato nutrizionale attraverso il BIOIMPEDENZIOMETRO
  • Colloquio con il paziente e i familiari di restituzione e presentazione del protocollo

PROGRAMMA

Restrizione alimentare e disturbo dell’immagine corporea

Prima fase:

  • Pianificazione e riabilitazione nutrizionale. Si può combinare con Pasti assistiti con musica (2 volte la settimana) per 4 settimane
  • Psicoterapia Individuale o Familiare 1 volta la settimana

Seconda fase:

  • Valutazione con il bioimpedenziometro (da effettuare dopo un mese)
  • Pianificazione nutrizionale
  • Rieducazione dell’immagine corporea e attività fisica ( 2 volte la settimana)

Disturbi del controllo alimentare, Binge Eating Disorder, abbuffate notturne, food craving

Prima fase:

  • Pianificazione e riabilitazione nutrizionali. Si può combinare con Pasti assistiti con musica (2 volte la settimana) per 4 settimane
  • Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS):15 sedute suddivise in tre settimane ( 5 giorni alla settimana)
  • Psicoterapia Individuale o Familiare (1 volta la settimana)

Seconda fase:

  • Valutazione con il bioimpedenziometro (da effettuare dopo un mese)
  • Pianificazione nutrizionale
  • Rieducazione dell’immagine corporea e attività fisica ( 2 volte la settimana
  • Gruppo con i familiari ( 1 volta ogni 15 giorni)

Obesità

Prima fase:

  • Educazione nutrizionale
  • Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS):15 sedute suddivise in tre settimane ( 5 giorni alla settimana)
  • PESF : 10 applicazioni (2-3 volte a settimana)
  • Rieducazione dell’immagine corporea e attività fisica ( 2 volte la settimana)

Seconda fase:

  • Valutazione con il bioimpedenziometro (da effettuare dopo un mese)
  • Pianificazione nutrizionale
  • Gruppo con i familiari (1 volta ogni 15 giorni), che riunisce tutti i familiari dei pazienti con disturbo alimentare
banner pubblicitario

Articoli correlati

 

NeuroCOVID: la cura dell’Istituto di Neuroscienze

NeuroCOVID: la cura dell’Istituto di Neuroscienze

Uno studio della Johns Hopkins University conferma il modello del Prof. Stefano Pallanti Lo scorso 7 maggio il Prof. Stefano Pallanti ha partecipato ad un’intervista dove spiegava le evidenze scientifiche di un importante aspetto del COVID-19 relativo alle...

Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS)

Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS)

Stimolazione Magnetica Transcranica 35 anni di uso clinico e consolidamento dell’efficacia nel mondo. La stimolazione magnetica era una metodica già largamente in uso negli ospedali e nelle strutture ambulatoriali con scopi diagnostici quando Anthony Barker...

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo [VIDEO]

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo [VIDEO]

Che cos'è il disturbo ossessivo-compulsivo e quali sono i sintomi che ne rivelano la presenza? Una volta il DOC era ricompreso tra gli stati d'ansia, ma più recentemente è stato classificato a parte, esattamente a metà tra l'ansia e le dipendenze, comprese le...